Specialità invernali

Prete (Cappello del Prete)

Preti

Il Cappello del Prete è un salume tipico dell’Emilia; deve il suo nome al taglio di carne omonimo che corrisponde al muscolo degli arti anteriori del suino.

Sia il salume sia il taglio di carne hanno una forma triangolare  bombata al centro che ricorda i cappelli a tre punte indossati dai preti. Localmente viene chiamato anche capel dal pret.

 

Questo particolare prodotto affonda le sue origini nel Cinquecento dell’Alta Emilia quando veniva mangiato bollito e accompagnato dal purè di patate nei giorni di Carnevale e di Pasqua. Oggi è considerato uno di quei prodotti che non possono mancare sulle tavole degli emiliani durante tutto il periodo invernale, specialmente per le feste.

 PREPARAZIONE

Il Cappello del Prete viene realizzato disossidando la gamba anteriore del maiale lasciando integri il muscolo e la cotenna. Il pezzo di carne ottenuto viene poi rifilato e rigirato su se stesso affinché possa essere salato con sale pepe e aromi naturali. Dopo la salagione viene rigirato nuovamente e cucito manualmente alle due estremità.

Il Prete può essere conservato secondo il metodo tradizionale, ovvero la steccatura, oppure può essere confezionato nel sottovuoto.

La steccatura prevede l’inserimento del Cappello del Prete tra due appositi legnetti che stringendo fanno sì che l’aria esca; la steccatura è seguita da una breve asciugatura di circa due giorni.  Per la conservarlo in sottovuoto è necessario stufare il Prete prima di confezionarlo, la più moderna conservazione in sottovuoto mantiene la cotenna morbida.

Per cucinare il cappello del prete è necessario, prima di cuocerlo, rimuovere i legni e lasciarlo a bagno in acqua fredda per almeno 12 ore, il tempo di ammorbidire la cotenna.

In seguito si deve punzecchiare con un ago grosso o con una forchetta e avvolgere in un telo legato con una corda.

A questo punto si può procedere alla cottura, per 4 ore a bollore lievissimo.

Al termine della cottura è interamente consumabile, ottimo se accompagnato con abbondante purè di patate.

… Buon appetito! 

 

Per cucinare il Cappello del prete è necessario, prima di cuocerlo, rimuovere il prodotto sottovuto, punzecchiare con un ago grosso o con una forchetta e avvolgere in un telo legato con una corda.

A questo punto si può procedere alla cottura, per 4 ore a bollore lievissimo.

Al termine della cottura è interamente consumabile, ottimo se accompagnato con abbondante purè di patate.

 

Per scaldare il Prete precotto intero mantenere il prodotto nel sottovuto, immergerlo in acqua bollente e scaldare per 1 ora/ 1 ora e 20  minuti circa a lieve bollore.

Per scaldare il Prete a metà precotto mantenere il prodotto nel sottovuto, immergere in acqua bollente e scaldare a lieve bollore per 35-40 minuti circa.

Servire accompagnandolo con purè di patate, salse o mostarde.  

… Buon appetito! 

 

 

GROSSI_0057-lPRETE STECCATO DA CUOCERE

Pezzatura: 1,5 kg circa

Da consumarsi preferibilmente entro 30 gg

 

 

 

 

GROSSI_0107-l

PRETE DA CUOCERE IN RETE SOTTOVUTO

Pezzatura: 1,5 kg circa

Scadenza 90 gg

 

 

 

 

GROSSI_0109-l

PRETE COTTO SOTTOVUOTO

Pezzatura: 1 kg circa

Scadenza  90 gg

 

 Torna all’elenco dei PRODOTTI INVERNALI